3702 recensioni a vostra disposizione!
   
 
 

38 TEMOINS Film con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggio
  Stampa questa scheda Data della recensione: 20 dicembre 2012
 
di Lucas Belvaux, con Yvan Attal, Natacha Régnier, Nicole Garcia, Didier Sandre, Patrick Descamps (Belgio-Francia, 2012)
 
Lo stupro, l'omicidio è sotto casa, ma nessuno ha visto, o sentito. E il film, più che dell'autore del delitto, si occuperà del silenzio dei testimoni. Anche se l'epoca è quella di Vichy non è che le cose, sembra suggerire Lucas Belvaux, cineasta da sempre attento ai temi civili, siano molto cambiate. E' la legge del quieto vivere, dell'omertà alla quale è confrontato il marinaio di Yvan Attal: prima di confessare alla moglie, di ritorno da un viaggio, di aver visto, udito tutto. E di non farcela più a portare il peso del silenzio.

Il teatro della vergogna collettiva, il quartiere d'epoca e bon ton osservato dalle finestre dei vari testimoni è lo spazio nel quale il regista belga organizza la propria impeccabile visione. Anche se i dialoghi sono un poco ingessati, così che il tono arrischia a tratti di sconfinare dalla morale al moralismo, e che il progetto appaia talvolta programmato, come racchiuso fra le quattro mura nelle quali si dibattono le psicologie, la forza dell'ambiente, e il coinvolgimento di Yvan Attal e degli attori in genere conferma la sincerità che a Belvaux non fa mai difetto.


   Il film in Internet (Google)

Per informazioni o commenti: info@films*TOGLIEREQUESTO*elezione.ch

 
 
Elenco in ordine


Ricerca






capolavoro


da vedere assolutamente


da vedere


da vedere eventualmente


da evitare

© Copyright Fabio Fumagalli 2020