3693 recensioni a vostra disposizione!
   
 
 

SUNSET
(NAPSZALLTA)
Film con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggio
  Stampa questa scheda Data della recensione: 26 novembre 2019
 
di László Nemes, con Juli Jakab, Vlad Ivanov, Evelin Dobo (Ungheria, 2018)
 

Difficile non considerarla una delle ( non molte, a dire il vero) ) delusioni di  Venezia 2018. Tutti ricordano l'impatto  emotivo ed espressivo provocato dal primo film del regista ungherese Il figlio di Saul. Laszlo Nemes non solo si assumeva i rischi della contestata rappresentazione in fiction dell’orrore, spesso ritenuto impossibile da rendere in immagini della Soluzione Finale. Ma riusciva a innovare all’interno del cerchio delicato che ha “romanzato” il genocidio (La lista di Schindler di Spielberg, Kapo di Pontecorvo o La vita è bella di Benigni), esaltandolo con una scelta di linguaggio per molti aspetti straordinaria.

Nessuno, fra tutti coloro che sono consapevoli del compito irrinunciabile di conservare le Memorie dai campi di sterminio, aveva ricostruito la Shoah in quel modo. Senza ricorrere  alle sollecitazioni formali, alla brutalità dello spettacolo. Ma a quelle assai più sensoriali della coscienza.

Ora in Sunset (Tramonto), tutta quella sua arte del non-detto, composto da una zona d’ombra costantemente sfuocata, o fuori campo, appena intuibile, ottenuta con la cinepresa a spalla in piani sequenza sembra svanita. Meglio, riproposta per sfizio. Tutta quella evocazione mitteleuropea si è ravvicinata all'impotenza che nasce dal  procedimento.


   Il film in Internet (Google)

Per informazioni o commenti: info@films*TOGLIEREQUESTO*elezione.ch

 
 
Elenco in ordine


Ricerca






capolavoro


da vedere assolutamente


da vedere


da vedere eventualmente


da evitare

© Copyright Fabio Fumagalli 2020