3706 recensioni a vostra disposizione!
   
 
 

MEMENTO Film con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggio
  Stampa questa scheda Data della recensione: 14 febbraio 2001
 
di Christopher Nolan, con Guy Pierce, Joe Pantoliano, Carrie-Anne Moss (Stati Uniti, 2000)
 

FOR ENGLISH VERSION SEE BELOW

In seguito ad un trauma, il protagonista (Guy Pearce) ha perso la memoria immediata, i ricordi più recenti. Per ovviare, ricorre alle foto Polaroid ed ai tatuaggi sul corpo. Bel tema, che al suo secondo lungometraggio il regista inglese Christopher Nolan pimenta con l'interrogativo fatto apposta per catturare le schiere di appassionati del genere: qualcuno approfitta dei guai del poveretto per fargli uccidere qualcuno? Bel tema: perché, oltre che sull'amnesia (campo privilegiato della tradizione del giallo, dai romanzi di Chandler al mitico IL GRANDE SONNO) permette di farci delle domande sulla manipolazione, come sulla relatività della memoria, dell'identità o dell'amore.

Bel pretesto, quello di MEMENTO. Da parte di un regista che sa pure il fatto suo, per abusare di quel procedimento della memoria cinematografica chiamato flashback. Tutta una serie di andirivieni alla ricostruzione del mosaico che avrebbe dovuto costruirsi su una solidissima sceneggiatura. Affascina, poi magari irrita: anche perché ci si vorrebbe capire qualcosa di più.      

"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""

Following a trauma, the protagonist (Guy Pearce) lost his immediate memory, his most recent memories. To remedy this, he uses Polaroid photos and tattoos on his body. Nice theme, that in his second feature film the English director Christopher Nolan pimenta with the question made on purpose to capture the ranks of fans of the genre: is someone taking advantage of the poor man's troubles to have him kill someone? Nice theme: because, in addition to amnesia (a privileged field in the tradition of detective stories, from Chandler's novels to the mythical IL GRANDE SONNO), it allows us to ask questions about manipulation, such as the relativity of memory, identity or love.

A good pretext, that of MEMENTO, by a director who also knows what he's doing, to abuse that process of cinematographic memory called flashback. A whole series of comings and goings to the reconstruction of the mosaic that should have been built on a very solid screenplay. It fascinates, then perhaps irritates: also because one would like to understand something more.  

        

www.filmselezione.ch 

3706 reviews since 1950 at your disposal!

Translated with www.DeepL.com/Translator (free version)


   Il film in Internet (Google)

Per informazioni o commenti: info@films*TOGLIEREQUESTO*elezione.ch

 
 
Elenco in ordine


Ricerca






capolavoro


da vedere assolutamente


da vedere


da vedere eventualmente


da evitare

© Copyright Fabio Fumagalli 2020