3702 recensioni a vostra disposizione!
   
 
 

1917 Film con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggio
  Stampa questa scheda Data della recensione: 25 gennaio 2020
 
di Sam Mendes, con George MacKay, Dean-Charles Chapman, Mark Strong, Andrew Scott (Gran Bretagna, 2019)

Ottenibile in DVD/Blu-ray o tramite VOD/streaming ecc.

 

Sam Mendes è un regista originale, per certi versi sottovalutato. Forse ce lo stavamo dimenticando, ma sette anni fa aveva firmato, anche per le platee più vaste quindi, uno dei migliori James Bond da sempre, Skyfall. Una sceneggiatura intelligente, una vicenda crepuscolare e nevrotica, impregnata al pari dei suoi protagonisti da sorprendenti tentazioni freudiane. Senza dimenticare che il realizzatore britannico aveva addirittura vinto un Oscar nel 1999, con American Beauty; mentre in seguito era stato autore di opere più che interessanti come Road to Perdition e Revolutionary Road.

Ora, a proposito di quest'ultimo 1917, l'errore più grossolano sarebbe quello di liquidarlo a priori con un "ancora un film sulla guerra quattordici-diciotto".  Mendes è forse partito stimolato da una scelta apparentemente "solo" tecnica ed estetica: quella di girare l'odissea di due umili caporali sommersi in quello storico mattatoio in tempo reale, senza stacchi, nel corso di un unico piano-sequenza.

Il compito (con qualche accortezza) è svolto alla perfezione, ma 1917 si affida ad un filo che non è mai banalmente tecnicistico: al contrario, si carica di una forza progressivamente emotiva e umanistica. Fino a sfociare, partito com'era in immersione nella realtà più brutalmente claustrofobica nell'astrazione, dell'idealismo, della riflessione espressiva. I due intensi protagonisti (e quasi ignoti George MacKay e Dean-Charles Chapman che viene dalla serie Games of Thrones) vengono spediti dai superiori in una missione ovviamente suicida. Percorrere solo una decina di chilometri di quel territorio scoperto: forse abbandonato dal nemico tedesco, ma ancora martoriato dai resti umani e materiali del cataclisma appena sopportato. Oltre che dalla probabile presenza di qualche cecchino imboscato. Lo scopo della missione sarà quello di prevenire un migliaio di commilitoni minacciati da un'imboscata.

Ma la sapiente ambientazione che nasce dalle elaborazioni di Roger Deakins (il grande fotografo dei fratelli Coen a partire da Burton Fink), o il commento musicale di Thomas Newman  si accostano progressivamente ai protagonisti e alle loro vicissitudini con la medesima accortezza e infinita leggerezza nell'annotazione usata dalla cinepresa di Sam Mendes per accompagnare il flusso ininterrotto degli accadimenti del film. Forse strizzando l'occhio alla dilagante tendenza fantasy in auge a Hollywood 1917 non è più allora un film realista sulla prima guerra mondiale (ammesso che lo sia mai stato): tutto, al contrario, s'inserisce in un universo fantastico, eventualmente pure debitore dell'estetica da video gioco,  che lo sguardo del regista (e del direttore della fotografia) accentuano progressivamente.

Quella disperata e non di certo inedita dipinta da 1917 diventa cosi un'impresa encomiabile, eroica e generosa; in quanto è tesa a far nascere nello spettatore l'idea di quanto sia egualmente vana e profetica. Preceduta e seguita, come sappiamo, nelle viscere di tragedie inarrestabili; dalle dimensioni, ma non dai moniti sconfinati.

 

 


   Il film in Internet (Google)

Per informazioni o commenti: info@films*TOGLIEREQUESTO*elezione.ch

 
 
Elenco in ordine


Ricerca






capolavoro


da vedere assolutamente


da vedere


da vedere eventualmente


da evitare

© Copyright Fabio Fumagalli 2020