3762 recensioni a vostra disposizione!
   
 
 

LA TIGRE E IL DRAGONE
(CROUCHING TIGER, HIDDEN DRAGON)
Film con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggio
  Stampa questa scheda Data della recensione: 18 maggio 2000
 
di Ang Lee, con Zhang Ziyi, Chow Yun-fat, Michele Yeoh, Cheng Pei-pei (Taiwan, 2000)
 
Strano tipo, questo Ang Lee. Nato a Taiwan ma assimilato agli Stati Uniti, autore di opere simpaticamente disinvolte e pure un po' bastarde - proprio perché situate a metà strada tra la commedia americana e le tradizioni della sua cultura - come BANCHETTO DI NOZZE (1993) o MANGIARE, BERE, UOMO, DONNA (1994). Oppure, adattate dal classicismo letterario occidentale in vena di globalizzazione come RAGIONE E SENTIMENTO da Jane Austen. O ancora, come in TEMPESTA DI GHIACCIO, lucidi drammi psicologici giudiziosamente inseriti nella società contemporanea. Ora, questa specie di romanzo di cavalleria a metà fra kung-fu, commedia musicale ed Emilio Salgari; prepotente film d'autore, nel quale tutto questo debordante eclettismo sembra confluire nelle due ore di un unica invenzione poetica.

Il bello (o ciò che rende bello il compito sennò piuttosto ripetitivo e schizofrenico del vostro cronista) è che LA TIGRE E IL DRAGONE non è per niente il pasticcio scriteriato che ci si poteva attendere da una situazione del genere. Al contrario, qualcosa di molto sorprendente: un universo favolistico dove, sulle ali sapienti di Yuen Wo-Ping, responsabile dei balletti di MATRIX i protagonisti non si accontentano di affrontarsi in combattimenti atletici, regolati con la stupefacente precisione di meccanismi imparati a memoria dagli orientali. Ma si arrampicano sui muri, volteggiano sui tetti, rimbalzano come fossero in un'atmosfera lunare, spiccano il volo sfidando ogni legge di gravitazione per non dire di logica. Con un risultato non è mai artificiale, prevedibile o tecnicistico. Ma giubilatorio, surrealistico e poetico: come in quell'indimenticabile duello finale, con i contendenti che si sfidano volteggiando aggrappati alle cime flessuose della foresta di bambù.

In cinese il titolo significa "Tigre accucciata, drago nascosto": ed il film è esattamente uno straordinario gioco a rimpiattino. Fra diversi personaggi, che rivelano solo progressivamente la propria natura; fra storie diverse, che s'intrecciano in nome di un delirante desiderio di romanzesco; fra spazi fantasiosi, che costruiscono il castello incantato ambientale. E fra gli infiniti generi che si affermano progressivamente, in un giocoso, esaltato desiderio di affabulazione. Con le donne, delicate e fragili a coltivare sentimenti nell'intimo che perdurano nell'arco di una vita, pennellare squisiti ideogrammi in attesa del solito matrimonio imposto. Ma che sono pure mascherate: vere Catwomen volitive ed ambiziose, donne guerriere, destinate ad imporre la propria forza anche fisica. Subita, che ci volete fare, dai rispettivi Batman: che le amano, e le subiscono, al pari del destino, rifugiandosi nella meditazione, o nell'avventura.

Film tratto da un classico della letteratura cinese di cappa e spada; che, nella grande tradizione delle arti marziali orientali sconfina ad ogni istante nel misticismo. Film d'azione: calibrata con la perfezione di un balletto di effetti digitali che si sublima continuamente nel metafisico. Film di avventura: sempre sfumata nella grazia coreografata, nella sensualità, in un erotismo ambiguo ed insinuante. Tutto, in questo racconto taoista dove, come in EXCALIBUR ci si batte per una spada onnipotente si costruisce sulle opposizioni: fra realtà e fantasia, sogno e ragione, passione e rinuncia, tenzoni fisiche e battaglie spirituali, convenzioni sociali e desiderio di libertà. E fra sensibilità e spettacolo: intimismo delicato degli interni, lirismo sconfinato degli spazi aperti, i deserti, le montagne.

LA TIGRE E IL DRAGONE è Sandokan, Superman, Barbarella nell'irrazionalità del musical. Un film scatenato e melanconico, esaltato e contemplativo che piacerà a tutti: perché è una pura meraviglia.


   Il film in Internet (Google)

Per informazioni o commenti: info@films*TOGLIEREQUESTO*elezione.ch

 
 
Elenco in ordine


Ricerca






capolavoro


da vedere assolutamente


da vedere


da vedere eventualmente


da evitare

© Copyright Fabio Fumagalli 2022