3706 recensioni a vostra disposizione!
   
 
 

COUNTRY Film con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggioFilm con lo stesso punteggio
  Stampa questa scheda Data della recensione: 12 settembre 1985
 
di Richard Pearce, con Jessica Lange, Sam Shepard (Stati Uniti, 1984)
 
E l'America reaganiana venne in aiuto ai contadini. Era tempo, per i poveracci ormai costretti a vendere all'asta le ultime suppellettili, prima di rinunciare all'ultimo dei loro beni, la terra di cui al titolo. E per gli spettatori: che si chiedevano ormai da un pezzo cosa aspettasse, nell'anno di grazia 1985, lo Stato ad intervenire. Che l'agricoltura non sia autosufficiente nelle inesorabili regole di mercato della società del benessere non c'è bisogno che vengano a dircelo in technicolor dall'Arkansas. Basta chiederlo ai vallesani o forse anche soltanto sul piano di Magadino. Cronaca rurale, quindi. Alla quale assistiamo con commozione moderata poiché Pearce è un onesto trascrittore della lentezza contadina in lentezza cinematografica, spighe e polvere, tramonti e tornado, banchieri cattivi che rivogliono i prestiti.

Il tutto è un po' troppo semplice: la malizia dello spettatore si spreca a spettegolare sul cast. Jessica Lange, che è un'attrice coi fiocchi, si trasforma credibilmente e si porta sulle spalle il film. Sam Shepard fatica già di più a farci dimenticare che è lo sceneggiatore di Paris, Texas per ignorare cosa sia un ammortamento bancario. In quanto al nonno, che dovrebbe rappresentare l'attaccamento ancestrale alla terra eccetera, porta dei blusotti a scacchi troppo lindi.


   Il film in Internet (Google)

Per informazioni o commenti: info@films*TOGLIEREQUESTO*elezione.ch

 
 
Elenco in ordine


Ricerca






capolavoro


da vedere assolutamente


da vedere


da vedere eventualmente


da evitare

© Copyright Fabio Fumagalli 2020